0

Parole bisillabiche e trisillabiche… dalle immagini

Ciao a tutti!

A distanza di un anno dall’ultimo post – scusate, ho un’infinità di materiali autoprodotti ma… non je la posso fà 😀 – pubblico oggi un materiale molto semplice ma che si presta a molteplici utilizzi: le immagini delle parole bisillabiche e trisillabiche. Io ho creato questi due file per lavorare sull’associazione parola-immagine, dato che con il mio grandioso alunno speciale stiamo arrivando a questa fase dell’apprendimento della lettura. Io uso i cartoncini con le sillabe, li faccio leggere a salti, poi li avvicino nell’ordine giusto per formare una parola di senso compiuto ed… ecco che con la lettura veloce arriviamo a pronunciare una parola ben precisa. In questo primo periodo sarò io a mostrare il cartoncino con l’immagine subito dopo la lettura, mentre nelle fasi seguenti credo che sperimenterò una versione più giocosa in cui le immagini saranno disposte per la stanza e il mio alunno dovrà cercare quella giusta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il primo file è relativo alle parole bisillabiche: MELA, PERA, RANA, LUPO, FUMO, SALE, PANE, TOPO, VASO, ROSA, VINO, RISO.

Nel secondo, invece, ci sono tutte parole trisillabiche: BANANA, LIMONE, PATATA, PANINO, DIVANO, TAVOLO, NUVOLA, NUVOLE, BALENA, MEDUSA, MELONE, SAPONE, ASINO, COLORI, MATITA.

Sono semplici immagini in bianco e nero, trovate in rete, riferite a parole di uso piuttosto comune e molto concrete, vicine all’esperienza dei bambini (in particolare al mio, nel senso che ho già presentato queste stesse parole prima in un lavoro di arricchimento lessicale e poi in attività di ripetizione logopedica con attenzione fonologica (presto inserirò un altro materiale a tal proposito). E così, se vi va, invece di cercarle e stamparle singolarmente ogni volta, eccovele tutte quante insieme a disposizione per voi QUI: parole 2 sillabe e  parole 3 sillabe. Fatene buon uso! 🙂

Ciao

Maestra Gigia

Annunci
1

Discriminazione dei colori primari!

Ciao a tutti!
Pubblico oggi i materiali relativi ad un’attività che ho preparato ieri per il mio alunno. L’attività riguarda la discriminazione dei colori primari e consiste nell’abbinamento di alcuni oggetti di colore rosso, giallo e blu alla rispettiva tabella. La proposta didattica nasce dalla fatica che il mio bimbo sta facendo nell’individuazione e nella denominazione dei colori…quando sembra averle afferrate, ecco che mostra di nuovo dubbi e tentennamenti. Eccoci qui, quindi, a fare un passo indietro per giocare con i colori e vedere se il problema è in questa fase di riconoscimento visivo. Dalle prime prove che ho fatto tra ieri ed oggi sembra di no, ma – trattandosi di un’attività giocosa e ricreativa – penso che la somministrerò più volte nel breve periodo per osservare eventuali cambiamenti anche nella denominazione.
Le schede finali si presentano così: 2015-01-27 16.06.08
Per essere precisi, consiglio di stampare le tabelle direttamente su fogli a4 colorati (meglio se cartoncini…ovviamente dei colori rosso, giallo e blu). Nel mio caso, non avevo tutti e 3 i colori e l’idea era quella di rimediare colorando i fogli bianchi che avevo con un po’ di polverina di gesso rossa, gialla e blu. In realtà, poi, c’era la collaboratrice disponibile con la plastificatrice già accesa, quindi ho rinunciato all’idea per velocizzare il tutto 😀 😀 😀 Oltre ai fogli, servono soltanto le pouches e il velcro adesivo.
Le tabelle contengono 9 spazi, mentre gli oggetti che ho preparato riempiono 6 caselle di ognuna di esse…ovviamente il completamento dell’attività è a discrezione dell’insegnante anche in base agli oggetti che il bambino già conosce o, ancora, in base agli apprendimenti che si vogliono agganciare a questa attività.
Trovate i file delle tabelle e degli oggetti qui: tabella riconoscimento colori. I file sono tutti in bianco e nero e poi ho colorato il tutto con i pennarelli per risparmiare un po’ di inchiostro. Il tutto ovviamente va plastificato per poter riutilizzare il materiale tutte le volte che si vuole con l’effetto attacca e strappa ottenuto dal velcro adesivo.
Buon lavoro… ma soprattutto buon divertimento!

Maestra Gigia